gen 19, 2014

FAQ

Che cos’è la Psicocinetica?
Il fondatore ed autore, J. LE BOULCH, la definisce come:
“Scienza umana applicata, che si propone di contribuire allo sviluppo della persona, prendendo come supporto il Movimento e il vissuto corporeo. Prendiamo il Movimento come soggetto centrale della ricerca scientifica, in vista di chiarire le possibili applicazioni pratiche da attuarsi con il bambino, con l’adulto sia sano che malato; problemi ai quali non possono rispondere le scienze fondamentali.” (J.Le Boulch)

 
Cosa si intende per Movimento?
Il Movimento Umano non può essere limitato al concetto di atto motorio, (di cui ne è parte significativa), ma va visto come presenza del corpo al mondo, nella relazione con l’ambiente e con se stessi. Il Movimento Umano, preso in senso generale, non esprime soltanto il trasferimento volontario del corpo o di una sua parte, ma anche l’insieme delle attitudini corporee, dei giochi di espressione facciale e mimica e delle reazioni toniche che non si traducono necessariamente con degli spostamenti.
L’aspetto “personale” del movimento è così posto in primo piano.

 
Che cos’è la Metodologia Psicomotoria Funzionale?
E’ una forma di educazione alla persona attraverso l’utilizzo del Movimento.
Si rivolge a persone di qualsiasi età ed alle loro esigenze, anche in contesti terapeutici e rieducativi; si basa sui fondamenti scientifici della Psicocinetica.
Questa metodologia deve appoggiarsi alla conoscenza delle leggi di sviluppo e ai dati attuali concernenti la maturazione e l’organizzazione del sistema nervoso centrale, supporto delle funzioni psicomotorie.

 

Cosa sono e quali sono le Funzioni Psicomotorie?

Le Funzioni Psicomotorie sono la base su cui si poggiano e si sviluppano la migliori condizioni per gli Apprendimenti. Ciò che conta in un apprendimento non è il sapere che ne deriva, ma l’attività funzionale messa in gioco per acquisirlo.
Si suddividono in Funzioni Psicomotorie:
– Energetico – Affettive
– Operative
In particolare ricordiamo
- la Funzione di Veglia,
che si prolunga con la Funzione di “Vigilanza” (neurologico) “Attenzione” (psicologico)
- la Funzione di Aggiustamento,
soluzioni a problemi nuovi senza apprendimenti preventivi
- la Funzione di Percezione,
trattamento delle funzioni sensoriali
Sono il nucleo centrale dello sviluppo funzionale e fanno da collegamento tra le Funzioni Cognitive e le Funzioni Simboliche (verbale e grafica)

 
Di cosa si occupa lo Psicomotricista Funzionale ?

Dell’applicazione della Metodologia Psicomotoria Funzionale nei vari ambiti di competenza; siano essi legati ai processi di sviluppo, in ambito educativo e formativo, che ai processi di apprendimento, che nel potenziamento di interventi terapeutici e riabilitativi.

 

Quale visione di Persona ?

La Persona nella visione dell’Unità Psicosomatica.
Nella concezione dell’unità e della Globalità; la relazione con l’Ambiente da parte del soggetto è in continuo e costante adattamento con il sé corporeo.
Non è possibile scindere il singolo gesto, l’azione e il fatto, dal ‘tutto’.

.

RICONOSCIMENTO MIUR ai sensi del D.M. n°177/2000 (20 gennaio 2005) - ISCRIZIONE CONI n°148334 - P.IVA 01509830186 - C.F. 96017310184